Earfold, otoplastica chirurgica mini invasiva

Le asimmetrie della regione auricolare sono, seppur tra gli inestetismi più diffusi, causa di disagio sociale.
Nuove tecnologie, meno invasive, permettono di eliminare il problema delle cosiddette orecchie prominenti, più comunemente conosciute come orecchie a sventola.
Da sempre l’otoplastica è stata la risposta a questa tipologia di problema estetico ma, da qualche anno, alternative chirurgiche ambulatoriali hanno preso piede come soluzioni altrettanto valide, efficaci e durature, come ad esempio il trattamento con il nuovissimo dispositivo medico Earfold™. Quest’ultimo è un trattamento ambulatoriale che ha una durata inferiore ai 20 minuti, mini invasivo e dal risultato immediato.
Le orecchie a sventola sono solitamente legate a due diverse problematiche: l’eccessiva prominenza della cartilagine della conca ma, più spesso, una mancanza o una scarsa presenza dell’antelice, la piega del padiglione auricolare. Earfold è la soluzione ideale per quest’ultima problematica, anche se può essere utilizzato in associazione all’intervento classico.

È un’operazione indicata per giovani e adulti.

Come funziona Earfold Allergan

Il metodo Earfold – correzione orecchie a sventola – consiste sostanzialmente nell’applicazione di piccolissime cambre a memoria di forma che, una volta inserite, permettono la modifica della forma dell’orecchio. Earfold Allergan è un inserto in lega metallica di titanio e nickel, il Nitinolo, che viene poi placcato in oro 24k ed inserito sottopelle. Si tratta di un materiale biocompatibile ed elastico: è estremamente duttile, in grado di piegarsi e tornare poi alla forma originaria. Dopo essere stata inserita e rilasciata sottopelle, la placchetta metallica Earfold, riprende immediatamente la sua forma originaria e corregge il difetto. Di conseguenza, la forma “a sventola” e la distanza tra la parte sporgente dell’orecchio e il capo viene ridotta.

Earfold Allergan

Earfold Brescia

In Italia, il numero di chirurghi abilitati ad effettuare questo preciso intervento ambulatoriale è ancora esiguo. Il dottor Brunelli, dopo aver effettuato il training formativo previsto per la realizzazione di questo tipo di intervento, è tra i pochi a poter vantare anche questo servizio tra le numerose operazioni di medicina e chirurgia estetica eseguite.

Differenza tra Otoplastica e Earfold

La differenza principale tra la classica operazione di otoplastica e un intervento con l’impianto Earfold è che l’operazione di otoplastica ha una durata complessiva di circa 90 minuti, contro i 15 minuti indicativi di una operazione con Earfold, realizzata a seguito di anestesia locale.
L’intervento di otoplastica convenzionale è invasivo, un’operazione chirurgica a tutti gli effetti che prevede la rimozione della cartilagine in eccesso. Rifarsi le orecchie con Earfold assicura risultati immediati, senza prevedere bendaggi pesanti che pregiudichino il ritorno rapido alla vita di tutti i giorni del paziente.
Inoltre, il paziente che si sottopone all’operazione con Earfold può selezionare precisamente che tipo di modifica apportare alla forma dell’orecchio.

otoplastica non chirurgica

Qual è l’iter pre-intervento

L’unica fase da considerarsi pre-intervento è quella dell’anestesia, che è locale. A questa fase, segue un’incisione di pochi millimetri appena davanti all’elice, il punto in cui viene inserito il correttore che andrà però ad essere posizionato nell’antelice. La placca in Nitinolo viene poi rilasciata dall’apparecchietto su cui è montata e riprende istantaneamente la sua forma arcuata. La durata dell’intera operazione di otoplastica non chirurgica varia leggermente in base al numero di impianti necessari per correggere i difetti dell’orecchio. Si tratta generalmente di una procedura semplice e rapida, l’intero intervento può durare dai 15 ai 20 minuti, al termine della quale vengono applicati punti di sutura riassorbibili che si staccheranno da soli dopo qualche giorno. La placcatura in oro 24k del correttore, inoltre, è pensata apposta per ridurre la visibilità dell’impianto.
Gli impianti sono da considerarsi permanenti una volta inseriti in regione cartilaginea.

Post-operatorio

Al paziente è consigliato l’uso di una fascia da tennista per almeno 3 giorni. Il medico si riserva la possibilità di prescrivere antibiotici. Da evitare, nell’immediato post-intervento, il coricamento sul fianco. Per qualche settimana è bene non indossare orecchini. Le attività sportive sono da posticipare ad un mese dall’operazione. In generale, tutti quei gesti che fanno parte della quotidianità (ascoltare musica con le cuffie, telefonare…) vanno fatti con molta attenzione, anche per tutelare le orecchie da batteri e sporco.

Per chi è indicato / quando eseguire il trattamento

Rifarsi le orecchie con Earfold Allergan è indicato per chi è alla ricerca di una correzione delle orecchie a sventola per assenza o scarso sviluppo della piega anti-elicoidale. Più raramente la protuberanza può essere dovuta ad un eccessivo sviluppo della conca; in questo caso il medico potrà consigliare procedure aggiuntive alla semplice operazione di otoplastica mini invasiva. Alcune persone soffrono invece di asimmetria tra le due orecchie: in questi casi la correzione orecchie a sventola ideale è proprio quella con Earfold Allergan, che permette spesso di correggere questo difetto.

Rimedio Orecchie a sventola Bambini

Earfold è adatto sia per i bambini, sia per gli adulti. Fino ai 14 o 15 anni è necessario associare una sedazione all’anestesia locale, poiché i ragazzini al di sotto di questa età non sono collaboranti. Non sono, però, rari i casi di bimbi operati a 7 anni di età, epoca in cui l’orecchio ha raggiunto il suo sviluppo definitivo.

Earfold Otoplastica prima e dopo [Foto]

Domande frequenti Otoplastica e Earfold

È un trattamento doloroso o pericoloso?

L’intervento orecchie a sventola Earfold non è un trattamento doloroso, la zona da trattare viene anestetizzata localmente nel pre-operatorio. Nel post operatorio è possibile un leggero senso di fastidio ma non si tratta di vero e proprio dolore.

Esistono controindicazioni o effetti collaterali?

In pratica l’unica controindicazione potrebbe essere l’allergia al Nichel. Gli effetti collaterali sono rappresentati da ematoma, edema persistente, dolore persistente, ipercromie, infezione, visibilità dell’impianto, deformazione dell’orecchio (spock ear, piegature anomale dell’antelice), necrosi per decubito della regione soprastante l’impianto. Tutte queste complicanze sono trattabili fino alla facile rimozione dell’impianto e la pressoché totale guarigione.

Dopo quanto tempo si può notare l’effetto?

L’effetto è immediato e ben visibile già in fase di intervento. Il ritorno alla vita sociale è immediatamente successivo.

Resteranno cicatrici?

La zona trattata potrà apparire leggermente gonfia per qualche giorno, ma è un effetto che può variare da paziente a paziente. I punti di sutura applicati al termine dell’intervento sono riassorbibili e non si noteranno più dopo qualche giorno. Le piccole cicatrici sono destinate a diventare praticamente invisibili.

E’ necessario rimuovere l’impianto Earfold?

Gli impianti Earfold sono stati progettati come totalmente biocompatibili e possono essere lasciati in zona di applicazione in maniera permanente. Solo raramente, in caso di complicanze maggiori, si dovrà ricorrere alla loro asportazione.

Otoplastica costo

Dipende dal numero di clip necessarie. Il preventivo preciso potrà essere fatto dopo la visita preliminare.

Video Dott. Brunelli

Sedi di Lavoro

Studio Brescia
Via Guido Zadei, 64Brescia

Clinica Brescia
Day Hospital BW Borgo Wuhrer
Viale Bornata, 129
Brescia

Clinica Milano
Istituto Clinico Città Studi
Via N. Jommelli, 17
Milano

Clinica Bergamo
Casa di Cura Villa Santa Apollonia
Via G. Motta, 37/39
Bergamo